Skip to main page content
Access keys NCBI Homepage MyNCBI Homepage Main Content Main Navigation
. 2016;87:1-3.

Rules to Be Adopted for Publishing a Scientific Paper

  • PMID: 28474609

Rules to Be Adopted for Publishing a Scientific Paper

Nicola Picardi. Ann Ital Chir. .

Abstract

The main question to ask himself when preparing to write an article is "why publish a scientific paper?" First of all to publish an own article qualifies his author - or authors - as "scientist". Because the surgery is a mixture of art and knowledge, which coexist and interreact mutually increasing each other, scientific publications are the world where ideas are shared. Secondly, to an academic career is essential to be Author of scientific publications; but also for those who follow an hospital career or simply exercise the surgical profession in other contexts it represents the opportunity to communicate their experience and give a personal contribution to the knowledge of the art. The commitment of the academic world in particular must also stimulate new generations to pursue not only technical skills but at the same time updating their knowledge, and its members must also take on the role of researchers. The dissemination of ideas in the scientific community is a milestone for progress, because if they are not shared their concrete value is fleeting, and professional surgical activity value is itself transient and ephemeral, while the written documentation very often goes beyond the time, but certainly beyond space, stably transmitting ideas: "scripta manent". To write a "paper" - as a scientific publication is conventionally and internationally named - requires compliance with specific rules, which make it suitable to diffusion and well used by the readers. These appropriate rules are stated in the similar although variable "Guidelines for the Authors" set by the editors of most scientific journals - as also of Annali Italiani di Chirurgia - on the common purpose of making clear, comprehensive and concise the exposure of the study that is the motivation of the publication. The printed papers - as well the more recent on-line publications in digital format - use a very different language from that spoken in conferences and in verbal communications. Exemplary is the form of presentation used in the best "papers" of British tradition, where every effort is aimed at the clarity and brevity, for definite, consequential and well understood conclusions. Beyond any residual national pride, in the scientific world that has been globalized well earlier than other sectors of civil life, it is not a surrendering to a foreign tradition to conform oneself to the British model when writing a paper - and not simply adopting the English language - with the certainty to better achieve the brevity, clarity and concreteness of an exhaustive communication. "Be brief and you'll be good" - this is a suggestion always of great value to overcome the congestion and convulsions of our times. Furthermore in following the rules suggested by the "Guidelines for Authors" in writing a paper gives the Author the adjunctive advantage of a preventive and autonomous checking the validity and interest of the article as for premises, objectivity and reality of conclusions, and therefore vehicle of at least of one clear element of knowledge and progress, although possibly and despite of a "niche" argument. A paper is much more effective as more focused on a well-defined theme and as such more easily understood and its conclusions more easily assimilated. Therefore in the formal preparation of a paper, the critical sense must develop itself and grow, added to the vocation of following and attain the curiosity of knowledge typical of surgery, but following the typical procedure of the medical profession in the approaching march to the diagnosis, and then to the identification of the correct therapeutic indications which must take into account individual patient characteristics. As the very technical skill in performing the therapy chosen and agreed with the patient, completion of the professional duties, must not leave aside a constant exercise of criticism and self-criticism at every stage of the profession, similarly this same critical sense is also necessary in the preparation of a scientific paper to transmit a concrete, valid and original scientific contribution. It is useful to keep in mind that, as any student knows and does perhaps unconsciously, those who read an article do not follow the order in which it is printed, but having considered the catchy title go directly to review the conclusions. If still interested, they go on to the Abstract or to Summary, and only at this point if intrigued they read the Introduction, and then the material and method of study with their results, and finally the discussion, and to the end they read anew the Conclusions. However, in the formal drafting of a paper one has to remember this very likely sequence in reading an article and adapt accordingly: first put into focus the conclusions, which in fact are the reason of the publication. Therefore this must lead us to give up writing an article such as a report or a conference, and to conform attentively to the Anglo-Saxon model of presentation of a paper. A last point concerns the language of the presentation of a paper. Using own native language, in our case Italian, it is easy to the precise in language and is facilitated the communication of concepts, but that restricts the communication to own linguistics environment, whereas all scientific knowledge and the surgical one in particular, in accordance as stated by the motto of the International Society of Surgery "La Science n'a pas de Patrie", needs no linguistic boundaries. We should not feel therefore humiliated and colonized in adopting the English language in publishing our papers, because it has become the language of science globally adopted, indeed we must consider positively this choice for formal and substantial reasons. Formally the use of English forces ourselves to conform to a language traditionally pragmatic, schematic and synthetic typical of the Anglo-Saxon world, so renouncing to the usual subordinate phrases of Italian language, that may result contrary to its ingenuous purpose, making instead less clear and more foggy the concepts. This achieves in the meantime the advantage of a better and more schematic final clarity. We must take in mind from the very beginning the final concept you want to express with every sentence, and take it in the highest account. From a substantial point of view the adoption of English opens at the best the entire scientific world to all cultural contributions, no longer limited to the national linguistic areas, that now, in the globalized world of knowledge remains provincial even though vector of undisputed professional value and experience of Italian surgery. Any possible inadequacies of the used English language - that should be carefully avoided in terms of syntactic and orthographic rules, with the eventual help of a native language fellow - can anyways be accepted within certain limits as the price of a globalization of the diffusing knowledge, become even more evident by the introduction of digital editions. A special case is given by the publication of experiences derived from individual case reports. Clearly it is evident the impulse to disclose one's own individual experience, or because of its rare occurrence, or on the enthusiastic wave of a diagnosis successfully completed or because of the own satisfaction in choosing and performing an effective treatment successfully achieved thank to a surgical technique exceptional or of particularly difficulty. One can, however, make the mistake of aiming to publish "a case report" simply to show off one's skills and personal professional value. It is a short-sighted goal that gives the author an ephemeral satisfaction, but it will almost inevitably penalizated in the judgment of colleagues who read it. For psychological reasons it is difficult for someone to cheer the professional success of a not related fellow, and therefore it is advisable to refrain from this type of publication, which is a waste of time not very profitable, both to the one's reputation and for the likely rejection by the most accredited scientific journals. The publication of a case report must follow the same rules set for a "genuine article", with the difference that in the introduction has to be immediately highlighted the particularity of the experience, possibly framing it in common knowledge. The presentation of the clinical and strategic aspects is the result of a careful reflection on the surgical experience lived, because its exposure has to be very different from an extemporaneous oral presentation, which is by nature open to a free immediate confrontation in oral discussions that follow.

L’interrogativo principale da porsi nell’accingersi a scrivere un articolo è “perché pubblicare un articolo scientifico ?” Innanzitutto pubblicare un proprio articolo qualifica di fatto l’Autore – o gli Autori – come “scienziato”, e poiché la chirurgia è una commistione di arte e di conoscenze, che convivono ed inter-reagiscono accrescendosi reciprocamente, le pubblicazioni scientifiche sono il mondo ove si condividono le idee. In secondo luogo per la carriera accademica è essenziale fare pubblicazioni scientifiche; ma anche per chi segue la carriera ospedaliera o comunque esercita semplicemente la professione di chirurgo in altri ambiti ciò rappresenta l’occasione di comunicare la propria esperienza e dare un contributo personale alle conoscenze dell’arte. L’impegno del mondo accademico in particolare deve essere anche quello di stimolo alle nuove generazioni di perseguire non solo l’abilità tecnica ma contemporaneamente l’aggiornamento delle proprie conoscenze, ed i suoi esponenti devono assumere anche il ruolo di ricercatori. Poiché la diffusione delle idee nella comunità scientifica rappresenta una tappa fondamentale per il progresso, perché se non condivise sono prive di valore concreto e l’attività chirurgica professionale è per sé effimera, mentre la documentazione scritta travalica molto spesso il tempo, ma senz’altro lo spazio trasmettendo stabilmente le idee: “scripta manent”. Scrivere un “lavoro” – come è convenzionalmente indicata in italiano una pubblicazione scientifica, corrispondente al “paper” del linguaggio scientifico internazionale – richiede l’osservanza di regole precise, che lo rendono valido alla pubblicazione ed utilizzabile al meglio da parte di chi lo legge. Queste regole vengono stabilite nelle “Norme per gli Autori” fissate dalle redazioni delle diverse riviste scientifiche – e dunque anche da Annali Italiani di Chirurgia – accomunate anche se variabili dallo scopo di rendere chiara, esauriente e tendenzialmente sintetica la esposizione dello studio che è alla base della pubblicazione. La “carta stampata” – come gli stessi testi dei “lavori” presentati più recentemente in formato digitale – usano un linguaggio ben diverso dalla lingua parlata nelle conferenze e nelle comunicazioni verbali. Esemplare è la forma di presentazione utilizzata nei migliori “paper” di tradizione britannica, nei quali ogni sforzo è finalizzato alla chiarezza ed alla brevità, per definire conclusioni consequenziali e ben comprensibili. Al di là di ogni residuo di orgoglio nazionale, nel mondo scientifico che si è globalizzato ben prima di altri settori della vita civile, non è arrendersi ad una tradizione straniera il volersi uniformare al modello britannico nello scrivere un “lavoro” – e non solo adottando l’Inglese – certi di poter meglio raggiungere la brevità, la chiarezza e la concretezza di una comunicazione esauriente. “Siate brevi e sarete bravi” è un’esortazione sempre di grande valore nella congestione dei nostri tempi. Seguire le regole suggerito dalle “Norme per gli Autori” nel corso della stesura stessa di un “lavoro” presenta l’indubbio vantaggio di potersi rendere autonomamente consapevoli se si tratta di un articolo che per la motivazione della premessa e per la obiettività e concretezza delle conclusioni, sia effettivamente valido per la divulgazione perché veicolo di almeno un elemento chiaro di conoscenza e di progresso, anche se eventualmente “di nicchia”. Un “lavoro” è tanto più incisivo quanto più concentrato su un tema ben circoscritto e come tale più facilmente comprensibile e le sue conclusioni più facilmente assimilabili. Pertanto nella preparazione formale di un articolo, deve svilupparsi ed accrescersi il senso critico, associato alla vocazione di perseguire la curiosità di conoscenze tipiche di chi esercita la chirurgia, ma seguendo le stesse procedure impiegate nella professione medica nella marcia di avvicinamento alla diagnosi, e poi nella individuazione delle corrette indicazioni terapeutiche che devono tener conto delle caratteristiche del singolo paziente. Come lo stesso impiego di capacità tecniche nell’esecuzione del trattamento chirurgico prescelto in accordo con il paziente senza mai mettere da parte un costante esercizio di senso critico ed autocritico in ogni fase della attività professionale, lo stesso senso critico va necessariamente esercitato nella preparazione di un articolo scientifico per trasmettere un contributo scientifico concreto, valido e originale. È utile tenere presente che, come ogni studioso sa e fa anche inconsciamente, chi vuole leggere un articolo non segue l’ordine con cui esso è stampato, ma dopo aver ritenuto accattivante il Titolo passa direttamente a leggere le Conclusioni. Se ulteriormente interessato passa al Riassunto o all’Abstract, ed incuriosito legge poi l’Introduzione, e soltanto dopo il Materiale e metodo di studio con relativi Risultati, ed infine la loro Discussione, per poi rileggere le Conclusioni. Orbene nella stesura formale di un “lavoro” bisogna ricordare questa successione con cui esso verrà molto verosimilmente letto ed adeguarvisi di conseguenza: mettere innanzitutto a fuoco le conclusioni, che di fatto rappresentano il motivo della pubblicazione. Pertanto ciò deve indurre a rinunciare a scrivere un articolo come una relazione o una conferenza, e ad uniformarsi attentamente al modello anglo-sassone di presentazione di un paper. Una ultima annotazione riguarda la lingua di presentazione di un “lavoro”. Utilizzare la propria lingua materna, nel caso specifico l’Italiano, rende facile la precisione del linguaggio e agevole la comunicazione dei concetti, ma restringe questa comunicazione al proprio ambito linguistico, laddove le conoscenze scientifiche in genere e chirurgiche in particolare, in accordo con il motto della Società Internazionale di Chirurgia – “la Science n’a pas de Patrie”, necessitano l’abbattimento dei confini linguistici. Non bisogna dunque sentirsi umiliati e colonizzati nell’adottare l’uso della lingua Inglese, che è ormai diventata la lingua di divulgazione scientifica globalmente adottata, anzi bisogna considerare positivamente questa scelta per ragioni formali e sostanziali. Dal punto di vista formale utilizzare l’Inglese costringe ad uniformarsi al linguaggio tradizionalmente pragmatico, schematico e sintetico tipico del mondo anglo-sassone, rinunciando alle frasi subordinate tipiche dell’Italiano, che al contrario di quanto si propongono possono rendere meno chiaro e più nebbioso il proprio pensiero. Si ottiene così il vantaggio di una migliore e più schematica chiarezza finale. Bisogna proporsi fin dall’inizio il concetto finale che si vuole esprimere con ogni frase e privilegiarlo in maniera netta. Dal punto di vista sostanziale l’adozione dell’Inglese apre al meglio l’intero mondo scientifico a tutti i contributi culturali, non più limitati all’ambito linguistico nazionale, che ormai nel mondo scientifico globalizzato non può che considerarsi di tipo provinciale ancorchè vettore di indiscusso valore professionale e di esperienze della chirurgia italiana. Eventuali inadeguatezze formali della lingua Inglese utilizzata – che andrebbero attentamente evitate dal punto di vista sintattico ed ortografico con l’eventuale aiuto di un Collega di lingua madre – entro certi limiti devono essere comunque accettate come prezzo di una globalizzazione delle diffusione delle conoscenze resa ancora più evidente dalla adozione delle edizioni digitali. Un caso particolare è dato dalla pubblicazione di esperienze derivate da singoli casi clinici. È evidente l’impulso a voler divulgare una propria singola esperienza o per la sua rara evenienza o sulla base dell’entusiasmo di una diagnosi felicemente perfezionata o per la soddisfazione dell’adozione di un trattamento efficace sia dal punto di vista strategico che per aver adottato e realizzato con successo una tecnica chirurgica eccezionale o particolarmente difficoltosa. Si può però commettere l’errore di voler pubblicare “un caso clinico” semplicemente per dimostrare la propria bravura ed il proprio valore. Si tratta di uno scopo miope che dà all’Autore una soddisfazione effimera ma lo penalizza quasi inevitabilmente nel giudizio dei colleghi che lo leggono perché per motivi psicologici è difficile che qualcuno di rallegri del successo professionale di un collega estraneo, e dunque è consigliabile astenersi da questo tipo di pubblicazione, che rappresenta una perdita di tempo poco redditizia, sia nei confronti della propria reputazione sia per il probabile rigetto da parte delle riviste scientifiche più accreditate. La pubblicazione di un caso clinico deve seguire le stesse regole dettate per un “articolo originale”, con la differenza che nell’introduzione viene immediatamente evidenziata la peculiarità dell’esperienza, eventualmente inquadrandola nelle comuni conoscenze. La presentazione degli aspetti clinici e strategici è il risultato di una accurata riflessione sulla esperienza chirurgica vissuta, perché la sua esposizione deve essere ben diversa da una presentazione orale estemporanea, che è per sua natura aperta ad un libero confronto immediato nelle discussioni orali che seguono.

Similar articles

See all similar articles

Cited by 1 article

Feedback